La cd. mobilità volontaria, nel rapporto di lavoro pubblico privatizzato, è soggetta, per l’intera platea dei dipendenti pubblici (anche quelli del SSR), al nulla osta dell’ente di provenienza contestabile in sede giudiziale solo ove manifestamente illogico o irragionevole o discriminatorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + quindici =

Torna su