Commento a
TAR Campania Napoli, Sez. VII, 22/6/2021 n. 4291

Il Giudice Campano, rifacendosi all’orientamento elaborato dall’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n. 16/2020, ha ricordato come tra le omissioni di informazioni dovute ai fini del corretto svolgimento della procedura di selezione ed idonee a giustificare l’esclusione del concorrente ai sensi dell’art. 80. co. 5 lett. c bis del D.Lgs. 50/2016 rilevano, oltre ai casi oggetto di obblighi dichiarativi predeterminati dalla legge o dalla normativa di gara, solo quelle evidentemente incidenti sull’integrità ed affidabilità dell’operatore economico, le quali – pur non comportando un automatismo espulsivo – determinano, a carico della stazione appaltante, l’obbligo di svolgere la valutazione di integrità e affidabilità del concorrente.
È posto a carico della stazione appaltante, dunque, un potere-dovere di effettuare la valutazione di tutte le circostanze idonee ad incidere sull’affidabilità del concorrente, potendolo legittimamente escludere laddove emergano elementi tali da mettere in dubbio la sua integrità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 5 =

Torna su