La Corte di Cassazione, con ordinanza del giugno 2021, ha affermato che nel pubblico impiego privatizzato il lavoratore adibito a turni ha comunque diritto al buono pasto a prescindere dal fatto che la pausa per il pranzo avvenga in fasce orarie diverse rispetto a quelle normalmente destinate alla sua consumazione.
Nel caso di specie, ad un lavoratore turnista dipendente di un’Azienda Ospedaliera erano stati negati i buoni pasto in quanto l’articolazione temporale dei turni di lavoro (13.00 – 20.00 e 20.00 – 7.00) gli impediva la fruizione del servizio mensa. Insomma, nell’ottica dell’Azienda datrice di lavoro, se il dipendente non può andare a mensa, in quanto chiusa, neppure ha diritto ai buoni pasti.
La Suprema Corte ha, viceversa, riconosciuto il diritto ad usufruire della pausa, a prescindere dal fatto che la stessa avvenisse in fasce orarie normalmente destinate alla consumazione del pasto o in fasce per le quali il pasto potesse essere consumato prima dell’inizio del turno. Difatti, l’attribuzione del buono in questione, in quanto agevolazione di carattere assistenziale, è diretta a conciliare le esigenze del servizio con le esigenze quotidiane del dipendente, al fine di garantirne il benessere fisico necessario per proseguire l’attività lavorativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + sette =

Torna su