Il D.L. n. 44 del 2021 non sembra lasciare molti spazi di manovra al sanitario no vax: o si vaccina e lavora, o non si vaccina e rischia di essere collocato in altre (anche inferiori) mansioni ovvero di essere messo a casa senza stipendio. La giurisprudenza, anche dei tribunali toscani, non sembra lasciare grandi margini a disquisizioni sul “diritto a non vaccinarsi”. La tutela della salute pubblica e quella dei pazienti e degli altri colleghi di lavoro divengono, difatti, dei valori rispetto ai quali, le convinzioni personali degli operatori no vax sembrano destinate irrimediabilmente ad infrangersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =

Torna su