La Suprema Corte ha avuto modo di affermare che il giudice, quando dispone la trasformazione del rapporto di lavoro autonomo in uno a carattere subordinato, è tenuto ad applicare i minimi retributivi previsti dalla contrattazione collettiva di riferimento, e non già mantenere il trattamento in godimento come lavoratore autonomo, visto che, in quel caso, non opera il principio di irriducibilità della retribuzione, sancito dall’art. 2103 c.c.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 − 2 =

Torna su