Occorre prestare attenzioni alle dichiarazione da rendere in sede di partecipazione ad un concorso pubblico per l’accesso agli impieghi o ad una procedura di mobilità (anche interna) o altra selezione indetta da un ente pubblica. Infatti la falsa attestazioni di titoli non posseduti o, più semplicemente, la comprensibile ritrosia a dichiarare anche passate condanne penali (i famosi peccati di gioventù) può costare cara e condurre anche al licenziamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 + sei =

Torna su